342.0331194 / 339.2290831
info@paolopetrone.it

Una dieta sana può aiutare a prevenire la perdita dell’udito?

Una dieta sana può aiutare a prevenire la perdita dell’udito?

otorinolaringoiatria bari

La salute si costruisce a tavola, sulla base di ciò che mangiamo ogni giorno. È questo il risultato di innumerevoli lavori scientifici che, giorno dopo giorno, ci sottolineano quanto sia importante una dieta varia ed equilibrata, fatta di nutrienti equilibrati e bilanciati.

Un corretto stile alimentare contribuisce a costruire e rafforzare l’organismo, fornendo l’energia quotidiana di base che è indispensabile al buon funzionamento fisico e mentale del nostro corpo. E la corretta alimentazione è determinante per uno sviluppo sano, a partire dalla prima infanzia fino al nostro invecchiamento.

Mangiare sano aiuta anche a prevenire e trattare molte malattie croniche: obesità, sovrappeso, ipertensione arteriosa, malattie dell’apparato cardiocircolatorio, malattie metaboliche, diabete e alcune forme di tumori. L’alimentazione sana, inoltre, fortifica il sistema immunitario e aiuta l’organismo a proteggersi da molte altre malattie che non sono direttamente collegate alla nutrizione.

A tutto questo si aggiunge una recente scoperta dell’Università di Harvard che ha studiato più di 80.000 soggetti di sesso femminile per ben 22 anni: una dieta sana svolge un ruolo importante anche nel rallentare il normale decadimento delle funzioni sensoriali del nostro organismo, e tra queste, in primo luogo, salvaguarda l’udito.

Assieme al dottor Paolo Petrone, scopriamo come la dieta può aiutare a custodire un udito sano. Quali sono le diete più equilibrate che contribuiscono a salvaguardare l’udito? E su quali processi fisiologici si basano nella loro azione protettiva?

L’articolo è stato pubblicato sul numero di settembre 2018 della rivista tecnico-scientifica “L’Audioprotesista”, rivista ufficiale dell’ANA e ANAP, associazioni nazionali degli audioprotesisti italiani e audioprotesisti professionali italiani. A questo link, a pagina 49, è possibile leggere l’articolo in versione completa. Qui sotto lo screenshot della pagina.